spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Storia
L'Etimologia e la Storia PDF Stampa E-mail

Il termine “Taormina” venne attribuito dai coloni che fondarono Naxos, i quali, vedendo il monte aspro e forte sul quale sorgeva la cittadina, riscontrarono una grande somiglianza con la catena montuosa del Tauro nel sud della Anatolia, attuale Turchia. Diodoro siculo, storico greco siceliota del primo secolo a.C. scrive infatti che “coloro che si erano riuniti ad abitare sul monte Tauro chiamarono la città  Tauromenion, nome composto dalla parola Tauro (il monte in Turchia)  e dal verbo latino Meneo, che vuol dire stare, abitare”. Ma un’altra  volta Diodoro siculo attribuisce la denominazione della città ad  Andromaco, che, venuto a risiedervi, chiamò la dimora Tauro Menino.  Praticamente furono insieme i siculi ed i greci a dare origine e nome alla città di Tauromenion, che tuttora conserva la denominazione  originaria.

Leggi tutto...
 
Alberghi e Turismo nel passato PDF Stampa E-mail

L'esperienza turistica a Taormina nacque nel 1874 ad opera di Francesco Floresta, proprietario del primo albergo Taorminese, il Timeo. Quella data può essere considerata l'avvio del periodo d’oro di Taormina, caratterizzato da numerose visite di sovrani e personaggi illustri. Tra questi, l’imperatore Guglielmo II, il principe Federico di Savoia, il duca d’Orleans, il primo ministro inglese Asquith, il sottosegretario per le Indie Montagu, il pittore tedesco Otto Geleng, il fotografo Guglielmo Von Gloeden, il barone Carlos Stempel e l’artista inglese Robert Kitson.

Leggi tutto...
 
Una preziosa colonia militare PDF Stampa E-mail

Taormina è stata sempre considerata un luogo strategico sul piano delle comunicazioni e su quello militare, vista la sua posizione inespugnabile e importante per il controllo della confluenza delle strade interne del versante ionico. Gli stessi nomi dei due ingressi del Corso, porta Catania e porta Messina, sono un anacronismo del riconoscimento della funzione svolta nei secoli. La città fu fondata nel 358 a.c. da Andromaco, un greco forse discendente di Naxos insigne per ricchezze e grandezza d’animo, il quale, con l’aiuto dei siculi del monte Tauro,

Leggi tutto...
 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB