spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
Home arrow Architettura rurale
Architettura rurale
Tra ville padronali e dimore di pastori PDF Stampa E-mail

Fin dai tempi più remoti, lo sviluppo agricolo della Valle dell'Alcantara ha determinato in modo incisivo il sorgere di strutture abitative, caratterizzate dalla presenza di centri urbani e da abitazioni sparse. Tali insediamenti costituiscono un pregevole patrimonio di architettura rurale. È possibile individuare la “villa fattoria”, che presenta tetto a quattro falde Active Imagee caratteristiche architettoniche delle ville siciliane. Essa si sviluppa verticalmente su due piani: il piano terra è adibito a magazzino-deposito per i prodotti agricoli, il piano sovrastante è destinato all'abitazione padronale. Altri edifici della Valle accolgono, oltre all'abitazione del padrone, anche le case dei contadini, le stalle e il palmento. In questo nucleo agricolo emerge la sezione destinata alla dimora padronale. Essa si eleva su più livelli con scala esterna e tetto a due falde mentre gli altri edifici si sviluppano in piano con il tetto ad unico spiovente.

Infine, lungo la Valle dell'Alcantara la denominazione di “masseria” o "casedda" viene attribuita alla dimora dei pastori. Questa è composta da un vano chiuso e da una cucina-forno sotto tettoia, costruita in pietra e mancante di rifiniture sie interne che esterne. Accanto ad essa si trova il recinto degli ovini delimitato da un muretto in pietra.

 
Uno sguardo su alcune abitazioni rurali della Valle dell'Alcantara PDF Stampa E-mail

I dintorni di Randazzo, specie verso Passopisciaro e Moio, sono ricche di ville padronali e dimore rurali, legate soprattutto alla coltivazione della vite, ma non ne mancano di più antiche, connesse alla conduzione dei fondi seminativi e alla gelsicoltura. Presentano varie tipologie e particolari architettonici interessanti, specie le più vecchie. Alcune, purtroppo, sono state distrutte dalla colata del 1981. Tra le più antiche, caratterizzate da un cortile cinto da muri e dall’uso di intonaco rustico del colore della rena vulcanica, è opportuno segnalare la villa Bartolo, in contrada Allegracori, che presenta cantonali con mascheroni grotteschi sei-settecenteschi.

 
Leggi tutto...
 
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB
spacer.png, 0 kB