Header
Servizio Civile Nazionale I.Svi.L Regione Sicilia Progetto S.C.N 2007 come contattarci Progetto 2011/2012 Pagina iniziale Ricettività Regione sicilia
 
Menu
 
FALO' DEI CANNICI. Il 13 dicembre in occasione della festa di Santa Lucia, per le vie del paese, vengono montati dei piccoli falò per bruciare i cosiddetti “ cannici”, piante sarmentose che nascono spontaneamente nei terreni incolti, che la gente raccoglie, sin dall’inizio dell’autunno, confezionandoli in mazzetti che poi verranno bruciati per simboleggiare il dono prezioso della vista di cui S. Lucia è protettrice.
 
FESTA DELLA MADONNA DEL CARMELO. L’evento religioso viene celebrato la sera del 16 luglio durante la quale la statua della Madonna viene portata a spalla dalla chiesa del Carmelo di monte Castello a piazza Francesco Crispi, rinnovando la tradizionale e suggestiva fiaccolata.
 
FESTA DI SAN FILIPPO CIRIACO. E’ l’evento religioso più importante di Calatabiano che, per le sue caratteristiche, acquista anche il significato di evento turistico e culturale. Si tiene, annualmente, la terza domenica di Maggio. La “Calata di San Filippo”, che attira la curiosità di molti turisti, è il momento più rappresentativo, durante il quale il Fercolo del Santo Protettore di Calatabiano viene portato di corsa a valle , in soli 6 muniti, dal monte Castello alla Chiesa Madre, preceduto dal corteo storico della corte dei Cruyallas in costume d’epoca.
    La domenica successiva, Ottava della festa, il fercolo viene, in maniera spettacolare e faticosa per i portatori, riaccompagnato sul monte Castello dandosi così vita alla tradizionale “ a cchianata ‘i san Fulippu”
  •  
    LA SAGRA DELLE NESPOLE. Si svolge la seconda domenica di Maggio in piazza Mercato. Vengono allestiti degli stand per la degustazione dei prodotti tipici locali, soprattutto delle specialità a base di nespole.
  •  
    SERATE MEDIEVALI. Manifestazioni dal carattere storico e culturale, che si tengono nel mese di Agosto nel borgo “Gesù e Maria” e nelle vie principali del centro cittadino, durante le quali vengono riscoperti gli antichi mestieri e viene svolto il Palio dei Cruyallas al quale partecipano 12 cavalieri, rappresentativi dei comuni della Valle Alcantara, i quali, in sella al proprio cavallo, eseguono giochi medievali tra i quali “Saracino” , “tiro al cinghiale”, “gioco degli anelli”.
  •