Header
Servizio Civile Nazionale I.Svi.L Regione Sicilia Progetto S.C.N 2007 come contattarci Progetto 2011/2012 Pagina iniziale Ricettività Regione sicilia
 
Menu
 
IL CASTELLO. Del castello restano i ruderi delle poderose mura normanne. La maggior parte degli storici concorda nel fare risalire l’ edificazione al periodo romano. Nel 1334, sotto il regno di Pietro d'Aragona, fu cinto di mura e reso inaccessibile per essere utilizzato come fortezza e prigione funzionale anche alla vicina Taormina. La suggestiva area del castello trasmette ancora, a chi osserva dall'alto delle sue mura, emozioni intense e acquista ulteriore fascino durante gli spettacoli di falconeria che si tengono fra le rovine.
 
IL DUOMO. E’ la Chiesa Madre, ricostruita tra il 1934 e il 1935, sulla preesistente cattedrale, ed è intitolata a san Nicola di Bari. Architettonicamente presenta una commistione di stili: dal romanico al gotico, dall’arabo al normanno. Della cinquecentesca chiesa originaria sono stati rimontati il portale laterale e l’arcata del coro, oltre agli altari e al pulpito in noce intarsiato, risalenti però al XVIII secolo. L’ingresso principale, con arco a sesto acuto, è laterale rispetto alla piazza. Il campanile, posto sul lato destro e arretrato rispetto alla facciata, presenta delle belle bifore e un’interessante lapide del X secolo in greco – bizantino. L’impianto è ad una sola navata, culminante con un’abside circolare. All’interno sono custodite due statue settecentesch della Maddalena e dela Madonna del Rosario.
 
LA CHIESA DI SAN GIORGIO. Costruita nei pressi di punta san Giorgio intorno all’anno 1450 si distingue per la sobrietà delle linee architettoniche e per l’unicità del suo campanile, costituito da una breve torre inglobata nel corpo edilizio e sormontata, negli angoli, da 4 pinnacoli piramidali (clocheton). La pianta della chiesetta è ad una sola navata e presenta sul lato destro una cappella intitolata al SS. Crocifisso. All’interno sono custodite pregevoli opere d’arte, fra cui una tela raffigurante “l’incarnazione dell’Immacolata”, la statua di san Giorgio e una statua lignea settecentesca dell’Immacolata.
 
LA CHIESA DELLA SS. ANNUNZIATA. Si trova nei pressi del cimitero. Venne costruita nel 1100 da Ruggero il Normanno. Presenta un portale di notevole pregio. La chiesetta è aperta al culto dal 1° al 15 agosto.
 
LA CHIESA DI SAN BIAGIO. Fu la prima chiesa edificata a Castelmola. Posta a ridosso di una roccia . All’interno trovasi l’affresco settecentesco raffigurante “una Madonna con Bambino, san Biagio e figure angeliche”.