Header
Servizio Civile Nazionale I.Svi.L Regione Sicilia Progetto S.C.N 2007 come contattarci Progetto 2011/2012 Pagina iniziale Ricettività Regione sicilia
 
Menu
 
BASILICA DELLA MADONNA CATENA: La sua costruzione ebbe inizio nel 1655. Tra il 1860 – 1880. l’unica navata è stata trasformata a croce latina e coronata da un’ampia ed imponente cupola. Numerose sono le opere d’arte che la chiesa conserva tra cui un crocifisso ligneo del XVIII secolo e stucchi dovuti a Giovanni Pannucci di Bronte (1886- 1889).
  •  
    CHIESA DI S. ANTONIO: Sorge in uno del quartieri più caratteristici e antichi, quello dei Cameni. La concava facciata, nobilitata da modanature classiche, dà a tutto l’insieme un tocco armonioso di linee e forme. L’interno della chiesa è ad una sola navata con una cappella laterale. Tra le opere più importanti la statua in legno di S. Antonio.
     
    CHIESA DI SANTA DOMENICA: Bellissima cuba del VII d.c. La struttura è a croce greca con pianta quadrata , ma divisa da quattro pilastri in tre navate. La caratteristica facciata da l’impressione di una cappella basiliana.
  •  
    CHIESA DEI SS. APOSTOLI PIETRO E PAOLO: La sua costruzione absidale e il poderoso torrione di lava e arenaria locale fa risalire la costruzione dl periodo normanno al primo dell’età sveva.
  •  
    CHIESA DI SAN MARCO:Un tempo una delle tre parrocchie di Castiglione insieme a quelle di Santa Maria e di San Pietro, ha una grande rilievo sotto l'aspetto storico. Alcune finestre di epoca normanna ed un arco a sesto acuto, lasciano intuire che la sua costruzione è contemporanea alla chiesa di San Nicola e a quella di San Pietro (secolo XII). Il primitivo tempio venne però ampliato e modificato intorno al XVII secolo, costruendovi anche un campanile. L'interno conservava alcune tele del Chità e del Gramignani, ora poste in altre chiese, un caratteristico confessionale, alcuni affreschi, molti pregevoli marmi di altari e stucchi barocchi. D'un certo rilievo per la storia di questa chiesa è la notizia che diversi storici ci riferiscono, cioè la presenza di un urna mortuaria , poi trasformata in fonte d'acqua benedetta, sulla quale era incisa una iscrizione latina: "Diis Manibus Liunio Asia Tirano vix anni XXIII Marcia Severa". L'iscrizione riporta al periodo romano e diversi, tra cui il Lamonica e il Giannetto, hanno sottoposto che vi si potesse trovare un tempio pagano.
     
    CHIESA DI S. BENEDETTO: Sorge accanto alla chiesa di S. Pietro. All’interno si può ammirare una splendida Madonna col Bambino su tela di Vito d’Anna. All'interno si può ammirare una splendida Madonna col Bambino, tela di Vito d'Anna. L'annesso Monastero venne fondato da una pia vedova, ma dopo circa due secoli di vita fu soppresso (1590) e le monache passarono a Messina. L'attuale edificio, che per la sua ampiezza e la maestosa severità della costruzione è tra i più importanti che esistono a Castiglione, fu opera del sacerdote Giuseppe Coniglio, il quale, con le sue larghe vedute e fiducioso che un locale più ampio potesse definire l'autorità ecclesiastica, ingrandì e migliorò il ristretto impianto conventuale che esisteva. Si ammira nel suo interno un bolo in legno, generale scultura di un dilettante cappuccino, fatta eseguire nel 1750 pr espresso volere dell'Abbadessa Gioeni. Dopo la soppressione delle corporazioni religiose, rimasto vuoto l'immenso fabbricato conventuale sorse nella parte inferiore di esso un orfanotrofio femminile, il quale venne affidato alle suore di S.Anna.
     
    CHIESA DI SANTA MARIA MAGGIORE: Vuole la tradizione che, un tempo, sia stata la Matrice della città. Vi si trovano pitture della Vergine che porge il Bambino a San Gaetano e del Transetto di Maria SS. Pregevole l’altare di Maria SS. del Rosario.
     
    CHIESA DI SAN VINCENZO: E’ la sola fabbrica che rimane di tutto il corpo dell’edificio che formava l’Abbazia della Trinità, ultima abitazione dei Cassinesi in Castiglione
     
    CHIESA S. NICOLA: E’ una delle più antiche e suggestive. Essa s’innalza proprio sulle sponde del fiume Alcantara, accanto all’antica strada regia che collegava Messina a Palermo attraverso l’interno dell’isola. Sorta in epoca normanna, fu cappella del monastero dei monaci cassinesi che ivi si erano stabiliti.
     
    CHIESA MARIA SS. DEL CARMINE: Questa chiesetta, stando alle notizie che si attingono dalle sue strutture, sembra di antiche origini, dedicata a San Martino. In epoca bizantina fu matrice.
     
    IL CASTELLO DI LAURIA: L’antico Castello di origine medioevale trovasi nel punto più elevato del paese. Presenta alla sommità i resti di un antico forte normanno detto la Solecchia, del quale cui si può ancora apprezzare un fianco con volta a sesto acuto. Al suo interno sono ancora visibili le tracce di una chiesetta rupestre bizantina.
  •  
    U CANNIZZU: E’ una torre di forma cilindrica. Rappresenta il simbolo della città.
  •  
    CHIESA MADONNA DI LOURDES: Di architettura medievale, sperduta fra boschetti di noccioleti e castagni, si trova alle porte della città.
  •