Festa del santo patrono di Gaggi “SAN SEBASTIANO”

Riprese video di Tosto Jenny. Fotografie di Rita Santoro e Manzo Mario Paolo
Video e foto in fondo all’articolo

La seconda domenica di Agosto 2011, ripercorrendo una tradizione datata nel tempo, Gaggi l’ha dedicata, ancor una volta, al suo santo patrono san Sebastiano.

La lieta ricorrenza è stata festeggiata con solenni riti e celebrazioni liturgiche e con spettacoli di intrattenimento, organizzati nella piazza Vittorio Emanuele, grazie anche alle volontarie donazioni effettuate dai cittadini.

I visitatori, giunti per l’occasione, hanno trovato il paese addobbato a festa con luci ed archi colorati, fiori e bandiere tricolori appese ai balconi delle case poste lungo il percorso che avrebbe seguito la processione della “vara” con il santo patrono, portata a spalla dai devoti, vestiti in tunica bianca su pantaloni neri tenuti da un cordone rosso legato alla vita

I festeggiamenti religiosi hanno coinvolto, con riti diversi, le tre chiese di Gaggi, la Chiesa madre di Cavallaro, la Chiesetta di san Sebastiano e quella di san Giuseppe Operaio, dove, nella giornata di Sabato 13, sono stati trasferiti il simulacro del santo patrono e la “vara” in attesa di essere portati in processione Domenica 14.

L’attesa per il giorno principale della festa è stata allietata, sul palco comunale installato nella piazza Vittorio Emanuele, un tempo “salotto” buono del paese, dal dr Why (Venerdì 12), che ha intrattenuto piacevolmente, fino a tarda notte, un centinaio di ragazzi ed amanti del quiz a premi, e (Sabato 13) dal noto barzellettiere televisivo Giuseppe Castiglia, inserito in uno spettacolo musicale animato dai bravissimi componenti del gruppo “ Oltremisura”.

Le marce festose eseguite dalla banda musicale Vincenzo Bellini di Francavilla di Sicilia, che ha percorso, in lungo ed in largo, le vie del centro canterino, hanno trasmesso negli abitanti il giusto ritmo del giorno di festa che, unitamente ai potenti fuochi artificiali, fatti esplodere fin dalle primi luci dell’alba e sino a tarda notte di domenica 14, hanno scandito le ore che avrebbero raccontato del “dì di festa”.

I momenti culminanti della ricorrenza, anche quest’anno, sono stati rappresentati dalla “uscita” e dal “ rientro”, nella chiesa san Giuseppe, della vara con San Sebastiano. Essi sono stati sottolineati da fragorosi applausi, dal grido a squarcia gola dell’invocazione “ e chiamamulu cu vera fidi, evviva evviva sambastianu” dai portantini e dai devoti che gremivano la piazza, tra fuochi artificiali che illuminavano il cielo azzurro, il suono della banda e i bigliettini con la scritta “ W San Sebastiano” che calavano dal cielo sui fedeli in preghiera.

Il bacio dei fedeli della “ reliquia” di San Sebastiano con la benedizione impartita dal parroco Sac. Francesco Venuti, hanno concluso i festeggiamenti religiosi che sono proseguiti fino a tarda notte con il “concerto in piazza” della banda Vincenzo Bellini, ed i splendidi fuochi artificiali che hanno, illuminato il cielo di Gaggi e dintorni.

La redazione del sito www.alcantaravalley.info

 

Notizie

Lascia un Commento